INFORMATIVA BREVE

La informiamo che, per migliorare la sua esperienza di navigazione su questo sito web, utilizziamo diversi tipi di cookie, tra cui:
Cookie di tipo funzionale alla navigazione (functionality cookie); Cookie di tipo pubblicitario (advertising cookie); Cookie di tipo statistico (performance cookie); che consentono di accedere a dati personali raccolti durante la navigazione.
Nella pagina della Informativa Estesa sono presenti le istruzioni per negare il consenso all'installazione di qualunque cookie. Cliccando su "ACCETTA" o continuando la navigazione, saranno attivati tutti i cookie specificati nell'Informativa Estesa ai sensi degli artt. 13 e 14 Reg.to UE 2016/679.

ACCETTA X

Ero a Boston

Inserito da Marco Valvassori il 18/04/2013 alle 14:49 nella sezione storie

Luned꟨o corso Boston.

Per la prima volta, una giornata che sembrava uno splendore: sole, festa, sana fatica. Sono arrivato al traguardo con le gambe di legno in 3 e ore 46, davvero durissima. Il mio peggiore crono ma sensazioni bellissime per pubblico e atmosfera magica.

Il tempo di cambiarmi e di ritrovare i miei amici di Boston con cui avevo corso e ho sentito un botto incredibile. Ero lontano circa 500mt dall'esplosione e non ho visto nulla. Non ho nemmeno visto scene di panico, solo un deflusso ordinato dalla zona di arrivo; con voci che si diffondevano rapidamente sulla gravita' dell'evento.

Di una giornata tanto speciale rimane il dolore per le vittime, la rabbia per un gesto tanto criminale quanto incomprensibile e lo sgomento di fronte a una follia inimmaginabile.

Marco

Letto 1892 volte
Commenti
  • nicotax 23/04/2013 alle 17:13:08 rispondi
    boston
    c'ero anch'io. Io ho chiuso in 5 ore i 40 km (gli ultimi due circa erano interdetti ai corridori).
    Un peccato veramente e un gesto- quello dei due fratelli ceceni- tanto assassino quanto stupido!




 Questo mese 
 Febbraio 
Lu Ma Me Gi Ve Sa Do
1 2 3 4 5 6 7
8 9 10 11 12 13 14
15 16 17 18 19 20 21
22 23 24 25 26 27 28
Oggi  Feb 27, 2021