INFORMATIVA BREVE

La informiamo che, per migliorare la sua esperienza di navigazione su questo sito web, utilizziamo diversi tipi di cookie, tra cui:
Cookie di tipo funzionale alla navigazione (functionality cookie); Cookie di tipo pubblicitario (advertising cookie); Cookie di tipo statistico (performance cookie); che consentono di accedere a dati personali raccolti durante la navigazione.
Nella pagina della Informativa Estesa sono presenti le istruzioni per negare il consenso all'installazione di qualunque cookie. Cliccando su "ACCETTA" o continuando la navigazione, saranno attivati tutti i cookie specificati nell'Informativa Estesa ai sensi degli artt. 13 e 14 Reg.to UE 2016/679.

ACCETTA X

Cala il sipario sulla Cinq-cent km dal Panetùn

Inserito da Compa il 11/01/2021 alle 16:43 nella sezione vita al club

Bagài,

ieri si è conclusa questa singolare sfida che ha coinvolto un numero impressionante di soci; quando l’ho pensata sarei stato soddisfatto di avere una trentina di adesioni.

Nata come Cent km a pè, su “istigazione” di Captain Ale si è subito trasformata in Cinq-cent km, cent a pè e cinq-cent in bici. Visto il periodo Natalizio ed avendo un Presidente che di cognome fa Motta … l’associazione cunt al panetùn era d’obbligo.

Dopo un avvio stentato delle iscrizioni, sulla spinta dei Sarpi-Boys e del passaparola social, la faccenda ha rischiato di sfuggirmi di mano; sfornavo pettorali che sembravo la bottega del Motta.

Le regole, sin da subito, sono state poche e confuse. In pratica ognuno poteva fare qual cacchio che voleva: a pè, de cursa, a caminà, sul tapìrulàn, in muntagna, in bici sòta l’aqua, sui rulli, cunt la cyclette, el passeggino, in braccio, con le rotelle (ma solo per Giovannino).

L’importante era tagliare il traguardo dei 100km a piedi; 500 per la bici; ma poi sono arrivati anche i duathleti con 100+500 o 50+250 ed per ultimo abbiamo avuto anche un’aquathleta.

Ognuno poteva organizzarsi le tappe come voleva, brevi e veloci, lunghe e lente o brevi e lente (io!).

La durata di un mese da Sant’Ambroes a la Befàna è stata poi prorogata di qualche giorno su richiesta di chi aveva puntato sui giorni di festa di inizio anno, quando ha sempre piovuto.

Pronti via e dopo sei giorni è arrivato il primo finisher e chi poteva essere se non l’amico ultramaratoneta Simone Leo? Ultima finisher la Queen Elena Rossi, iscritta da Stefano; preceduta di poco da Simone “barefoot”, la Giuli “tortellina”, le mitiche Zanza-sister ed il diretùr Mauro.

Una cosa ve la devo dire cùnt al coèr in màn: quello che mi avete scritto nei vostri messaggi mi ha dato davvero tanta gioia e soddisfazione. GRAZIE! GRAZIE DI CUORE A TUTTI.

E per finire … qualche numero.
Innanzitutto la “Classifica ufficiale”; abbiamo avuto la bellezza di 115 PRIMI CLASSIFICATI. Perché era chiaro da subito che lo scopo di questa gara era di vincere la sfida contro se stessi e pertanto tutti i finisher sono arrivati primi.

Un grazie anche ai 32 che non hanno terminato la sfida; per qualcuno so che ci sono stati problemi legati al covid; la maggior parte sono amici invitati da soci che magari l’hanno completata ma non avevano capito che dovevano inviarmi il risultato.

Quindi 115 finisher su 147 iscritti; sui 100km ben 8 sotto le 8h; miglior tempo 7h 30’ 43”; sopra le 35h la coppia due gambe e quattro zampe (con qualche tratto in braccio) Massimo&Roth e la coppia due “belle” gambe, 2 zampe e due rotelline Sofia&Giovannino; la Alessandra ha scavalcato 4.300m di montagne mentre coi ciclo sono stati raggiunti dislivelli di 5.200 e 9.300m.

La più giovane è stata PowerBaby di due mesi (scarsi) mentre “Baffo Bianco” Angelo proprio oggi compie 82 anni!

Complimenti ed ancora un GRAZIE GRANDISSIMI A TUTTI,
Compa

Letto 247 volte
Commenti
  • mbell1957 11/01/2021 alle 17:01:00 rispondi
    Grazie Compa !
    ♥️♥️♥️




 Questo mese 
 Gennaio 
Lu Ma Me Gi Ve Sa Do
1 2 3
4 5 6 7 8 9 10
11 12 13 14 15 16 17
18 19 20 21 22 23 24
25 26 27 28 29 30 31
Oggi  Jan 27, 2021